Alta Via n.2, il grande viaggio sulle Dolomiti

Posted on 12 maggio 2012

1



dalla Redazione

Mercoledì 23 maggio ore 21.00, presso la sala conferenze della Birreria di Pedavena, la Sezione CAI Feltre in collaborazione con Meridiani Montagne presenta:

Alta Via n.2, il grande viaggio sulle Dolomiti.

Il numero 56 di Meridiani Montagne, attualmente in edicola, è dedicato all’Ata Via n.2 delle Dolomiti e racconta la storia, le bellezze e le unicità di questo grande itinerario di circa 200 chilometri, con un dislivello complessivo in salita di 11.300 metri, che collega Bressanone a Feltre.

Il percorso venne esplorato e tracciato dalla guida alpina bavarese Sigi Lechner e percorso per la prima volta nel 1969 dai feltrini Ivano Tisot e Louis Pillon.

La presentazione a Pedavena, sarà una serata di immagini, commenti e ricordi con la partecipazione di Stefano Ardito di Meridiani Montagne, Ivano Tisot e Louis Pillon (i protagonisti della prima attraversata), gestori dei rifugi, escursionisti, alpinisti e skyrunner.

Verrà inoltre mostrato, per la prima volta, un documento storico, il quadernetto di Luis Pillon con i timbri dei rifugi. Quel quadernetto diede il via all’usanza di “collezionare” i timbri di tutti i rifugi per ottenere un attestato che certifichi l’avvenuta percorrenza dell’Alta Via.

Un appuntamento davvero da non perdere.

L’Alta Via n.2 delle Dolomiti si sviluppa da Bressanone a Feltre, di rifugio in rifugio, nei luoghi più incantati delle Alpi. Un cammino da nord a sud, dal mondo germanico alle dolci inflessioni venete, dal gotico al barocco, attraverso il grande mare pietroso delle Dolomiti con il significato simbolico di unione tra i popoli nel gesto pacificante del camminare.
E’ percorribile normalmente in 13 giorni, attraverso cinque magnifiche aree dolomitiche riconducibili a due settori (nel primo il sottogruppo della Plóse e i Gruppi del Pùtia, delle Odle, del Pùez, del Sella e della Marmolada; nel secondo il Gruppo delle Pale di San Martino e le Alpi Feltrine).
Una grande passeggiata naturalistica che, eccetto il gruppo del Sella, è oggi compresa entro i confini delle cime riconosciute dall’Unesco Patrimonio della Umanità.

«« scarica l’invito presentazione “Alta Via n.2, il grande viaggio sulle Dolomiti”

(foto di apertura del post: il quadernetto con i timbri di Luis Pillon, ph. M. Dell’Agnola)

Annunci
Messo il tag:
Posted in: Escursionismo