L’abbraccio sulla forzèla dell’Om

Posted on 1 luglio 2012

2



di Teddy Soppelsa ≈

Domenica 24 giugno, un centinaio di persone hanno raggiunto la forzela dell’Om per partecipare all’abbraccio fra gli abitanti del Feltrino (BL) e quelli di Sagron Mis (TN) e dell’alta valle del Mis.

Una partecipazione davvero notevole se si considera che, da qualsiasi versante si salga, occorrono almeno tre ore e mezzo di cammino per raggiungere i 1946 metri della forzela dell’Om (Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi). Comunque la fatica è stata ampiamente ripagata, oltre dalla bellezza del paesaggio e da una giornata limpida e calda, dai contenuti di amicizia e civiltà che gli organizzatori (la Comunità di Sagron Mis e la Sezione CAI Feltre) hanno voluto dare a questo storico appuntamento.

Alle ore 11.00 la piccola folla, accalcata sulla forcella si è zittita per qualche istante, per udire il suono delle campane della chiesa di Sagron (visibile a quasi mille metri più in basso): il segnale atteso per celebrare l’evento. Pochi istanti dopo il sindaco di Sagron Mis Luca Gadenz e il sindaco di Gosaldo Giocondo Dalle Feste hanno scoperto una piccola targa in pietra a memoria del desiderio delle popolazioni di oggi di ritrovarsi e camminare insieme sugli stessi sentieri che, fino a pochi decenni fa, videro altre persone percorrerli e condividere un destino di fatiche e speranze.

Sulla forcella oltre ai numerosi escursionisti provenienti dai comuni del Primiero, dell’Agordino e del Feltrino era presente anche una delegazione del Gruppo Alpini Cimonega, una pattuglia del CTA-Corpo Forestale dello Stato e del Corpo forestale della Provincia Autonoma di Trento.

Dopo l’abbraccio il gruppo è sceso verso le casere di Erera e Brendol, ed altri numerosi escursionisti erano lì ad attendere il loro arrivo. La giornata di festa si è conclusa sul campigol di casèra Erèra con l’ascolto delle melodie popolari dei Carmina Fagi e i racconti delle esperienze di migranti, dall’alta valle del Mis al Feltrino, di Amalia Marcon ed Enrico Stalliviere.

Verso le 15.00 il gruppo è partito per il rientro in Val Canzoi. All’albergo Boz c’era ad attenderli, Amalia, Silvana e Licia con tre strudel giganti e tanta simpatia.

Per tutti il commento è statao uno solo: “Bellissima iniziativa, esperienza da ripetere“.

E’ disponibile la guida “Sagron-Mis e Feltrino insieme sulla forzela dell’Om” in formato PDF.
Per ricevere la guida (descrizioni dei sentieri di accesso alla forzela dell’Om, note naturalistiche, geologiche, storiche e racconti dei migranti che attraversavano l’altopiano di Erera-Brendol) compila questo modulo e inserisci nella riga “commenti” la parola GUIDA.

Argomenti collegati:
> Sagron Mis e Feltrino insieme sulla forzèla dell’Om
> Laboratorio Sagron Mis

Foto gallery (©T. Soppelsa) ___________________________________________________

Annunci